In morte di Pier Paolo Pasolini: l'omaggio di Moravia

Da uno scrittore a uno scrittore, in un due novembre di quasi quarant'anni dopo ho riascoltato la voce gridata e commossa di Alberto Moravia che ripercorre la parabola dello scrittore e regista, identificandolo nel suo ruolo fondamentale di poeta, aedo del mondo e portavoce inascoltato di una dimensione sofferta e reale:

Abbiamo perso prima di tutto un poeta, e di poeti non ce ne sono tanti nel mondo, ne nascono tre o quattro soltanto dentro un secolo. Quando sarà finito questo secolo, Pasolini sarà tra i pochissimi che conteranno come poeti. Il poeta dovrebbe esser sacro.

L'immagine di un Pasolini che "fugge a piedi inseguito da qualcosa che non ha volto" è una metafora tangibile della via dell'impegno tracciata dall'intellettuale barbaramente ucciso che ricorre come una "coincidenza inaspettata" già nelle sue opere, preludi di una vita violenta.

Via | Rossinero

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain