Steve Jobs, the last words: la verità sulle ultime parole

Croce e delizia del Web. La delizia è la quantità di informazioni che girano in tempo reale e la possibilità di condividerle con il mondo intero. La croce, invece, è quella che ci può cadere addosso quando ci imbattiamo in fake, notizie false che riescono a superare il filtro delle 5W e girano a tutta velocità nella Rete, disorientando e soprattutto disinformando.

Il cappello introduttivo serve a spiegare quello che sta accadendo da qualche ora in Rete circa le ultime parole pronunciate da Steve Jobs, il papà di Apple, prima di morire. Molti siti stanno pubblicando questo breve quanto commovente testo, che noi per facilitarvi la lettura proponiamo nella versione tradotta in italiano. Eccola:

"Ho raggiunto l’apice del successo nel mondo degli affari. Agli occhi altrui la mia vita è stata il simbolo del successo. Tuttavia, a parte il lavoro, ho una piccola gioia. Alla fine, la ricchezza è solo un dato di fatto al quale mi sono abituato.
In questo momento, sdraiato sul letto d’ospedale e ricordando tutta la mia vita, mi rendo conto che tutti i riconoscimenti e le ricchezze di cui andavo così fiero, sono diventati insignificanti davanti alla morte imminente.
Nel buio, quando guardo le luci verdi dei macchinari per la respirazione artificiale e sento il brusio dei loro suoni meccanici, riesco a sentire il respiro della morte che si avvicina…
Solo adesso ho capito, una volta che accumuli sufficiente denaro per il resto della tua vita, che dobbiamo perseguire altri obiettivi che non sono correlati alla ricchezza. Dovrebbe essere qualcosa di più importante: per esempio le storie d’amore, l’arte, i sogni di quando ero bambino…Non fermarsi a perseguire la ricchezza potrà solo trasformare una persona in un essere contorto, proprio come me.
Dio ci ha dato i sensi per farci sentire l’amore nel cuore di ognuno di noi, non le illusioni costruite dalla fama. I soldi che ho guadagnato nella mia vita non li posso portare con me.Quello che posso portare con me sono solo i ricordi rafforzati dall’amore. Questa è la vera ricchezza che ti seguirà, ti accompagnerà, ti darà la forza e la luce per andare avanti.
L’amore può viaggiare per mille miglia. La vita non ha alcun limite. Vai dove vuoi andare. Raggiungi gli apici che vuoi raggiungere. E’ tutto nel tuo cuore e nelle tue mani.
Qual è il letto più costoso del mondo? Il letto d’ospedale. Puoi assumere qualcuno che guidi l’auto per te, che guadagni per te, ma non puoi avere qualcuno sopporti la malattia al posto tuo. Le cose materiali perse possono essere ritrovate. Ma c’è una cosa che non può mai essere ritrovata quando si perde: la vita. In qualsiasi fase della vita siamo in questo momento, alla fine dovremo affrontare il giorno in cui calerà il sipario.
Fate tesoro dell’amore per la vostra famiglia, dell’amore per il vostro coniuge, dell’amore per i vostri amici… Trattatevi bene. Abbiate cura del prossimo.

Vi sta scendendo la lacrimuccia? Bene, asciugatela perchè avete appena letto una bufala. Una bufala certificata, visto che la fonte citata da molti siti,  ossia WafflesAtNoon, dichiara che è un fake al 100 per cento. Come dimostrato ampiamente anche dal blog Attivissimo, che ha fatto il lavoro di de-bufalizzazione. Perchè non esiste nessun riferimento certo che possa far risalire queste belle parole a Steve Jobs e non c'è nessuna fonte che possa garantirne la paternità. Oltretutto il "testamento morale" non è presente in nessuna delle biografie ufficiali di Jobs uscite dal 2011 al 2015 e la stessa sorella di Jobs ha dichiarato che le ultime parole di suo fratello in punto di morte furono ben altre, che per questioni di privacy non sono state divulgate.

A dimostrare che si tratta di una bufala, invece, ci sono molti elementi, uno tra tanti è la presenza della parola "Dio", utilizzata ben due volte, da Jobs che era apertamente ateo.
Bufale e Dintorni, invece, avrebbe individuato la provenienza di questa frase: si tratterebbe  di un libro scritto in cinese, Say It Before It's Too Late: The Last Words of New Yorkers, di Yuan Yicheng, specificamente da pagina 124-127.

 

 

Ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati